AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA
Commedia musicale di Garinei e Giovannini
Musiche originali di A.Trovajoli
            
 
Scenografia
GIACOMO BONAGIUSO
Capo macchinista
PIETRO TILOTTA
Painting scenico
AGOSTINO DIMITRI
Mixaggio
GASPARE FEDERICO
Direttore di scena
NINNI STELLA
Programmazione computer
PAOLO DI CARLO
Direttore della fotografia
PINO ADORNO
Regia
GIACOMO BONAGIUSO
Coreografie
CARLA FAVATA
 

Aggiungi un posto a tavola



DRAMMATIS PERSONAE

Don Silvestro VINCENZO BASILE
Clementina LEDA STELLA
Il sindaco, Crispino SIMONE PARRINO
Ortensia, sua moglie MONICA LO VERDE
Toto ALFONSO LA ROSA
Consolazione GIUSY GALATA'
Il cardinale ANDREA CATALANO
La voce di Lassù GIACOMO BONAGIUSO


Gli abitanti del paese: CARLA FAVATA, PEPPE QUINCI, SILVIA GUCCIARDI, FRANCESCO MARINO, VERONICA PLACENTI, DAMIANO BIANCO, M.TERESA POMIIA, GASPARE BONO, FRANCESCA MANNONE.


"Aggiungi un posto a tavola" è una brillante commedia musicale scritta negli anni '60-'70 dalla formidabile penna della premiata coppia del teatro di rivista italiano, Garinei e Giovannini. L'edizione attuale, curata da Teatro Libero, ripropone in tutta la sua originale strutturazione, una trama avvincente "corredata" da splendide canzoni, balletti divertenti ed anche intensi, ed una "prova" di attori che si confrontano con lo spazioscenico globale del musical all'italiana. La trama non lascia spazio a nessun tipo di carenza d'attenzione.
Un piccolo paese di montagna viene scelto dall'Altissimo come "residuo di umanità da salvare" dalle acque di un nuovo diluvio universale. A don Silvestro, novello Noè, il compito do convincere gli abitanti del paese a costruire un'arca vera e propria che "traghetti i prescelti" dal vecchio al nuovo mondo. Un mondo nuovo in cui anche i preti possono amare senza vergogna, e in cui le ragazzine candide e ingenue possono sognare un bacio dal proprio parroco.
Ma quando il sogno del "nuovo mondo" sta ormai per realizzarsi e la pioggia del diluvio scende copiosa sull'umanità,l'eterna legge dell'amore e della solidariertà fa breccia nel cuore dell'Altissimo... e tutto finisce per ritornare all'ordine del vecchio mondo, con tanto d'arcobaleno e colomba della pace. La morale, per chi vuol trovarla oltre la scena, può riassumersi nel titolo della canzone portante del musical, ovvero "aggiungi un posto a tavola", perchè -sempre o quasi- c'è un amico in più a cui spalancare le porte della nostra vita e della nostra casa.

G. Bonagiuso